Ecco perché Hunger Games non è stato nominato agli Oscar


In un interessante articolo pubblicato da Entertainment Weekly, si cerca di far luce sulle motivazioni che hanno portato Hunger Games a non essere stato considerato dalla giuria degli Oscar per le nomination di quest’anno. Scoprite insieme a noi le ragioni della sua mancata candidatura!

Quasi ogni anno, brillanti film sono completamente ignorati dagli Oscar e non parliamo solo di Hunger Games, perché la lista di film che meritavano una nomination agli Academy Awards, e non l’hanno mai ottenuta, è molto lunga.

EW ha dato uno sguardo più da vicino a quei film che erano “troppo piccoli, troppo particolari o forse semplicemente troppo belli per l’Academy Awards”. Ecco dunque comparire tra i ‘Non-Nominati’ di quest’anno proprio Hunger Games.

Perché non è stato nominato: Gli adattamenti di romanzi per ragazzi non sono mai andati molto d’accordo con gli Oscar. (Quest’anno ci sono tre adattamenti cinematografici tratti da libri nella corsa per il titolo di Miglior Film: Les Misérables, Silver Linings Playbook e Vita di Pi). Il più citato esempio della tendenza dell’Academy di snobbare le trasposizioni dei libri per ragazzi sono i film di Harry Potter. Tutti quanti hanno, infatti, fallito i ripetuti tentativi di essere nominati in categorie non-tecniche e non hanno mai vinto alcun premio in nessuna categoria. Queste statistiche contrastanti giungono a dispetto dei record battuti al box office e degli elogi della critica che si sono accumulati nel corso di un’intera decade di film. Quindi anche se Hunger Games presenta alcuni temi davvero maturi – propaganda del governo, morte – sfortunatamente le sue origini per adolescenti etichettano superficialmente il film come una pellicola per ragazzi. […] E considerati i precedenti con Potter, è quasi certo che i Giochi non avranno mai alcuna possibilità agli Oscar.

Ma le categorie degli attori? Il fallimento dell’Academy nel riconoscere il talento del cast del film è un po’ sconcertante considerato che Woody Harrelson, che interpreta il mentore perennemente ubriaco Haymitch, è stato due volte nominato all’Oscar e Jennifer Lawrence non è stata solo candidata in passato (nel 2010 per il suo ruolo in Un Gelido Inverno), ma è nominata anche quest’anno per Silver Linings Playbook. Forse questo è di nuovo dovuto alla percezione del film unicamente come materiale per ragazzi. Se così fosse, è abbastanza triste.

Perché passerà più alla storia di Amour [uno dei film candidati agli Oscar di quest’anno]: In breve perché ci sono almeno due (probabilmente tre) attesissimi film che completeranno la saga. E con il film inaugurale che ha sbancato i botteghini, questo franchise è sulla giusta rotta per diventare uno dei più grandi successi di sempre. Portare la saga al successo è un obbligo da parte dei fan di Hunger Games. Proprio come gli appassionati di Potter, Twilight, Il Signore degli Anelli e, naturalmente, Star Wars - coloro che ammirano Katniss e la invidiano per la varietà di uomini che se la contendono – hanno trasformato un semplice film in un fenomeno mondiale. Inoltre, è difficile ignorare che la saga ha al timone un’attrice la cui considerazione professionale sembra crescere di anno in anno. Per gli standard di Hollywood, Lawrence è il Santo Graal – un’attrice che riesce a ottenere sia le acclamazioni della critica sia il successo al box office. Oscar o no, il potere di Lawrence – così come la passione per Hunger Games – sembra destinato a non spegnersi presto.

Cosa ne pensate di queste considerazioni?

Commenta